La mostra: > GUARDA SU YOUTUBE IL VIDEO DELL' INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA

Sede espositiva : Navicelli s.p.a. - Edificio “Onda 2008”
Via Darsena 3 - 56121 Pisa
27 giugno - 6 agosto 2009
Orari: 10.00 - 18.00 - sabato 10.00 - 13.00 (domenica chiuso)

Inaugurazione della mostra:  venerdì 26 giugno 2009

Ore 15.30: Tavola rotonda “Nautica, territorio e sostenibilità”.
Ore 18.30: Inaugurazione con degustazione di Slow Food Pisa

Progetto della mostra: Paola Barzanò, 
con la collaborazione di Moira Brunori
Curatrice della mostra: Paola Barzanò
Progetto grafico e sito web: Paola Vignelli - sw3



“Le mani che lavorano”,n>
gli artigiani che realizzano ogni piccolo o grande particolare di una imbarcazione, diventano così’ gli attori dello scenario progettuale di architetti e designer che le hanno pensate e disegnate.

La nautica da diporto toscana, infatti, racchiude nel prodotto finito, l’imbarcazione, una lunga filiera di abilità manifatturiere che sono la punta di eccellenza della forze produttive del territorio.

 



La canapa ,”Fil Rouge” della mostra
: è stata la prima fibra tessile  utilizzata per la produzione di corde e reti da pesca, coperture e vele per navigare i mari  alla scoperta di terre sconosciute, fin dai tempi delle repubbliche marinare.

Supporto per la realizzazione delle opere e delle vele, è il segno della tradizione marinara.

Vele di canapa, tinte con colori naturali estratti da piante toscane autoctone,  realizzate in collaborazione con gli studenti dell’Università di Firenze, Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di laurea in Cultura e stilismo della Moda.
Rappresentano il legame della fibra  di canapa e delle piante tintorie con il territorio toscano e con la tradizione di Pisa , Repubblica Marinara.

Le vele del Mascalzone Latino, Coppa del Mondo Farr 40

Rappresentano l’evoluzione tecnologica di un percorso che ha tenuto il vento come unico motore pulito propulsivo.

La mostra si ispira alle persone che dedicano al mare, alla nautica da diporto ed alle vele la loro vita.

Dipinti, fotografie, installazioni di vele ed oggetti legati al mare: l’arte diventa strumento di comunicazione, elemento di unione tra il mondo della produzione e “l’artista” che dialogano per raccontare le tradizioni e le trasformazioni del territorio che da Pisa arriva al mare lungo l’Arno ed al porto di Livorno attraverso il Canale Mediceo dei Navicelli.

“L’arte in diretta”
: le opere sono state realizzate traendo spunto dal lavoro svolto  dietro le quinte di alcuni cantieri, per testimoniare e valorizzare il sapiente lavoro degli artigiani del mare, con lo scopo di documentare la qualità dell’attività cantieristica  pisana e toscana, conosciuta in tutto il mondo.

 


 

La mostra è un omaggio al nostro mare, al nostro territorio, beni preziosi da proteggere, ma, soprattutto è un’occasione di riflessione sul tema della sostenibilità nel settore nautico e della sua filiera produttiva che con il mare ed il territorio ha molto a che fare, per garantire il nostro patrimonio alle generazioni future.

La mostra si svolge presso la sede della Navicelli s.p.a. (società pubblica fra Comune di Pisa, Provincia di Pisa e Camera di Commercio) Centro Regionale di Ricerca e Formazione per la Nautica che gestisce il canale dei Navicelli dove operano numerosi cantieri nautici pisani, ne cura la navigabilità e supporta lo sviluppo complessivo dell’area.
 


OPERE ESPOSTE

Dipinti di Federica Berner
20 grandi dipinti ad acrilico (160x105) su tela di canapa e diversi  oli su tela di canapa dipinti nell’autunno inverno 2008/2009 appositamente per la mostra.


Persone di mare, fotografie e storie stampate su carta di canapa.
L’immediatezza dell’attimo: le foto di Nicola Robecchi sono un reportage degli artigiani al lavoro, mentre “agiscono,” della loro  sapienza manuale. Non ci sono pose, non c’è  il set,solo la spontaneità del gesto che racconta la loro storia.

   
 

sw3 + tokenstudio